Concilio ecumenico Vaticano II. Il discorso mancato.pdf

Concilio ecumenico Vaticano II. Il discorso mancato

Brunero Gherardini

Lautore è convinto che il Discorso da fare (secondo il titolo di un suo precedente lavoro) sul Vaticano II non sia per il cristiano doggi, per i preti, per la Chiesa stessa, unopzione fra molte, ma una vera necessità. Ed è perciò dispiaciuto che, finora, nonostante lincrociarsi delle cosiddette ermeneutiche, il Discorso sia mancato. Nel presente volumetto spiega la ragione di questa omissione, che individua non tanto nelle correnti postconciliari, quanto nellorientamento assunto fin dallinizio dai Padri conciliari. Tra lo spirito con cui essi intrapresero la celebrazione del Concilio ed i sedici documenti maturati nel corso di esso cè una logica perfetta: il rifiuto, infatti, degli schemi ufficialmente preparati, con il quale il Concilio prese lavvio, non poteva ingenerare che quei documenti, con quel loro indirizzo, quelle loro aperture. E da queste, proprio perché tali, non poteva scaturire che un atteggiamento di rottura col passato. Ciò, sia ben chiaro, non comporta un no al Concilio, del quale lAutore individua quattro distinti livelli, assegnando ad ognuno di essi un diverso valore. Nonostante la necessità di ricorrere alla chiarezza per dire le cose come stanno, resta il fatto che il Vaticano II è un Concilio autentico, il cui insegnamento e le cui innovazioni, pur in assenza di valore dogmatico, costituiscono un innegabile magistero conciliare, e quindi supremo e solenne.

11/10/2012 Concilio Ecumenico Vaticano II. Un discorso da fare. Casa Mariana Editrice, Frigento 2009. Tradotto in inglese col titolo The Ecumenical Vatican Council II. A much needed discussion.. Casa Mariana Editrice, Frigento 2009 Archiviato il 30 ottobre 2012 in Internet Archive.. Ecumene tradita. Il dialogo ecumenico tra equivoci e passi falsi.

5.65 MB Dimensione del file
9788871809151 ISBN
Concilio ecumenico Vaticano II. Il discorso mancato.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.tcambrosiano.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

L’Autore è convinto che il Discorso da fare (secondo il titolo di un suo precedente lavoro) sul Vaticano II non sia per il cristiano d’oggi, per i preti, per la Chiesa stessa, un’opzione fra molte, ma una vera necessità. Ed è perciò dispiaciuto che, finora, nonostante l’incrociarsi delle cosiddette ermeneutiche, il Discorso sia Brunero Gherardini Concilio Vaticano II. Il discorso mancato Lindau, 2011: L’Autore è convinto che il Discorso da fare (secondo il titolo di un suo precedente lavoro) sul Vaticano II non sia per il cristiano d’oggi, per i preti, per la Chiesa stessa, un’opzione fra molte, ma una vera necessità.

avatar
Mattio Mazio

Il Vaticano II - un Concilio Ecumenico non vincolante? ... Il Concilio Vaticano II come Concilio ecumenico ... Il discorso mancato, Leumann, Torino 2011. «Se si ... La ricorrenza dei 50 anni dall'inizio del Concilio Vaticano II è un'occasione ... Le Acli Milanesi ricordano con grande stima ed affetto don Raffaello, mancato il 30 ... 02 – Concilio Ecumenico ... Nel primo Discorso alla città l&...

avatar
Noels Schulzzi

L'Autore è convinto che il Discorso da fare (secondo il titolo di un suo precedente lavoro) sul Vaticano II non sia per il cristiano d'oggi, per i preti, per la Chiesa stessa, un'opzione fra molte, ma una vera necessità.Ed è perciò dispiaciuto che, finora, nonostante l'incrociarsi dellecosiddette ermeneutiche, il Discorso sia mancato.

avatar
Jason Statham

Storia del Concilio vaticano II, il più importante concilio ecumenico della Chiesa cattolica, che iniziò l'11 ottobre 1962 e si concluse tre anni dopo

avatar
Jessica Kolhmann

L’Autore è convinto che il Discorso da fare (secondo il titolo di un suo precedente lavoro) sul Vaticano II non sia per il cristiano d’oggi, per i preti, per la Chiesa stessa, un’opzione fra molte, ma una vera necessità. Ed è perciò dispiaciuto che, finora, nonostante l’incrociarsi delle cosiddette ermeneutiche, il Discorso sia mancato.