Gesti di consapevolezza. Lesperienza radicale di essere nel proprio corpo.pdf

Gesti di consapevolezza. Lesperienza radicale di essere nel proprio corpo

Charles Genoud

La pratica chiamata gesti di consapevolezza è nata una ventina di anni fa dallincontro fortunato di Charles Genoud con lo psicoterapeuta olandese Michael Topphof. Genoud, che si dedicava da anni alla meditazione tibetana e vipassana, comprese immediatamente quanto la pratica della consapevolezza sensoriale potesse aiutare i meditanti rendendoli più presenti, radicati e bilanciati. Gesti di consapevolezza non prevede uno specifico background culturale. Non è una pratica buddhista, poiché Charles Genoud ha sempre ritenuto che la verità non sia appannaggio di ununica tradizione spirituale. I brevi discorsi che introducono gli esercizi traggono spunto dai campi più diversi: il teatro, la letteratura, la pittura, e ancora la filosofia occidentale, il buddhismo, la spiritualità degli indiani dAmerica o delle popolazioni afro-brasiliane. Lo scopo dellautore è quello di riportare il lettore a una percezione globale del proprio essere qui e ora nel mondo e di invitarlo ad abbandonare gli schemi mentali consueti.

Gesti di consapevolezza. L'esperienza radicale di essere nel proprio corpo è un libro di Charles Genoud pubblicato da Astrolabio Ubaldini nella collana Civiltà dell'Oriente: acquista su IBS a 11.40€!

4.56 MB Dimensione del file
9788834015353 ISBN
Gesti di consapevolezza. Lesperienza radicale di essere nel proprio corpo.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.tcambrosiano.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Eppur si sperimenta su di sé, sul proprio corpo e su quella estensione del sé che è rappresentata dal proprio essere sociale, una brusca e radicale amputazione. L’esperienza si svela quindi come un osservatorio privilegiato da cui attingere i bisogni intangibili dei professionisti, quelli dei quali poco si parla, ma non per questo di minore rilevanza; il bisogno di essere ascoltati, il bisogno di trovare strumenti e spazi che favoriscano la relazione con i pazienti e l’intera equipe, il bisogno di raccontare l’esperienza dolorosa, faticosa e ...

avatar
Mattio Mazio

che le esperienze di vergogna possono apparire nel primo anno di vita. Ella disse che ... senso di essere consapevole di se stesso come oggetto di osservazione degli altri, uno ... il proprio corpo, hanno più probabilità di produrre una ... Forse, nel ventre di tua madre hai avuto un'esperienza similare; forse non era proprio la ... Da quella consapevolezza nasce un carattere molto flessibile, spontaneo, qualcosa ... proprio come se la mia mano pretendesse di essere il ...

avatar
Noels Schulzzi

Come provano le numerosissime testimonianze raccolte in soli sei anni di divulgazione del metodo, con EOS l’esperienza cosciente di frequenze tanto elevate porta immediatamente in uno stato di espansione della coscienza, manifestando guarigione energetica, stati di risveglio e cambiamenti radicali nel proprio stile di vita: dalla scoperta di talenti nascosti, alla soluzione di problematiche ...

avatar
Jason Statham

Con l'espressione consapevolezza corporea si intende uno stato di coscienza e percezione dei propri movimenti e meccanismi corporei non mediate. Rientra nel più ampio spettro dei meccanismi neurali di coscienza, e il suo raggiungimento può essere legato talvolta alla pratica della meditazione, in quanto pratica capace di portare l'essere umano a una maggiore autoconsapevolezza. La consapevolezza non è una qualità che si acquisisce una volta per tutte. Essa è, innanzitutto, un’attitudine della coscienza, che va allenata e costantemente migliorata. La prima forma di consapevolezza è quella superficiale: si inizia ad essere consapevoli del proprio corpo e dei suoi bisogni, delle proprie emozioni, dei propri pensieri.

avatar
Jessica Kolhmann

L’esperienza si svela quindi come un osservatorio privilegiato da cui attingere i bisogni intangibili dei professionisti, quelli dei quali poco si parla, ma non per questo di minore rilevanza; il bisogno di essere ascoltati, il bisogno di trovare strumenti e spazi che favoriscano la relazione con i pazienti e l’intera equipe, il bisogno di raccontare l’esperienza dolorosa, faticosa e ...