Kualid che non riusciva a sognare.pdf

Kualid che non riusciva a sognare

none

Kualid vive con sua madre e suo nonno nella periferia di una Kabul dominata dai talebani e devastata dalle guerre. Ha dodici anni, lo sguardo sveglio e due incisivi un po sporgenti che hanno consentito a suo cugino Said di affibbiargli il soprannome di sorcio. Si guadagna la vita riempiendo con la pala le buche disseminate sulle strade che portano alla città, sperando in una moneta di ricompensa dai camion di passaggio. Ha fantasia Kualid, la fantasia di tutti i bambini, o almeno quella consentita a un bambino cresciuto in una zona di guerra. Conosce Asmar, il serpente di luce che, proiettato dal becco ricurvo di una teiera, lo viene a trovare in ogni notte di luna piena... Ma ha un cruccio: non riesce, proprio non riesce a sognare. O meglio, ci riesce a volte di giorno, quando è sveglio, ma quelli tuffal più sono desideri, gli ha detto suo cugino Said, che anche per questo lo prende un po in giro. È di notte che non riesce a sognare, Kualid. Non ci è riuscito nemmeno quando ha rubato i nastri delle videocassette che i talebani avevano legato a una mitragliatrice come trofeo, per ricordare a tutti che musica e immagini sono proibite. Proibite come gli aquiloni, e come tante altre cose a Kabul. Sarà lincontro-scontro con Samir, il calligrafo che collabora con gli occidentali che hanno aperto un ospedale in città, a fargli conoscere il mondo dei disegni e dei colori. Sarà la scoperta di quel mondo che consentirà a Kualid di riuscire finalmente a sognare.

di mollargli un ceffone, che però non arrivava. Il miliziano continuava a gridargli cose che Kualid, spa-ventato e confuso com’era, non riusciva a sentire; vedeva solo la bocca aprirsi e chiudersi tra i peli folti della barba. Notò che gli mancava un dente, proprio davanti, un buco nero dal quale uscivano a tratti palline di saliva. E gli venne Kualid che non riusciva a sognare. di Vauro Senesi. Kualid vive con sua madre e il nonno nella periferia di una Kabul dominata dai talebani e devastata dalle guerre. Ha dieci anni, lo sguardo sveglio e due incisivi un po’ sporgenti, per colpa dei quali suo cugino Said gli ha affibbiato il soprannome di “sorcio”.

3.56 MB Dimensione del file
9788838468483 ISBN
Kualid che non riusciva a sognare.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.tcambrosiano.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

6 mar 2007 ... di Vauro Senesi Piemme, 2007. La trama. Kualid ha 10 o 11 anni, non lo sa con esattezza, vive sulle montagne sopra Kabul con il nonno e la ...

avatar
Mattio Mazio

Kualid che non riusciva a sognare book. Read 3 reviews from the world's largest community for readers. Kualid vive con sua madre e suo nonno nella perife

avatar
Noels Schulzzi

Kualid che non riusciva a sognare di Senesi, Vauro su AbeBooks.it - ISBN 10: 885663712X - ISBN 13: 9788856637120 - Piemme - 2014 - Brossura Avete l'impressione di non sognare o non riuscite mai a ricordare i sogni che fate? Vi spieghiamo perché succede e come imparare a ricordarli.

avatar
Jason Statham

KUALID CHE NON RIUSCIVA A SOGNARE di VAURO SENESI, ed. PIEMME [9788856603835], libro usato in vendita a Como da KALIMA Kualid che non riusciva a sognare. Vauro Senesi ed. Piemme € 12,50 dai 16 anni Vincitore 2009 del "Premio Città di Cuneo per il Primo Romanzo", il libro di Senesi racconta "di una città di polvere e di vento, Kabul, in un paese di neve e di fuoco, l'Afghanistan. E' la soria di un ragazzino. E di tanti ".

avatar
Jessica Kolhmann

Ma ha un cruccio: non riesce a sognare. O meglio, ci riesce a volte di giorno, quando è sveglio, ma quelli tutt'al più sono pensieri, gli ha detto suo cugino Said, che anche per questo lo prende in giro. È di notte che non riesce a sognare, Kualid.