La Guardia Regia. La polizia italiana nellavvento del fascismo (1919--1922).pdf

La Guardia Regia. La polizia italiana nellavvento del fascismo (1919--1922)

Luca Madrignani

Nei tre anni di vita del corpo di polizia (1919-1922) la violenza entra nella vita politica in modo diffuso, invadendo gli spazi pubblici e i luoghi istituzionali, le vie e le piazze, le sedi politiche e sindacali. Lattacco al potere viene portato con modalità e dinamiche fino ad allora sconosciute per forme organizzative, intensità e dimensioni, tanto da far parlare i contemporanei di una vera e propria guerra civile. La Regia Guardia, infatti, viene creata da Nitti nel 1919 per far fronte a una situazione di emergenza politica. Tuttavia, il nuovo corpo di polizia non si guadagnerà le simpatie della destra, che in esso vede il tentativo di sottrarre potere e prestigio a quei corpi militari, in primo luogo i carabinieri, appartenenti al Ministero della Guerra. Nonostante i ripetuti episodi di collaborazione con le camicie nere, infatti, la Regia Guardia verrà sciolta da Mussolini appena salito al potere, nel dicembre del 1922.

La Guardia Regia. La polizia italiana nell'avvento del fascismo (1919--1922)

3.68 MB Dimensione del file
9788840017525 ISBN
Gratis PREZZO
La Guardia Regia. La polizia italiana nellavvento del fascismo (1919--1922).pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.tcambrosiano.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

La regia guardia per la pubblica sicurezza fu il corpo di pubblica sicurezza, dipendente dal ministero dell'Interno, che abolì e sostituì il Corpo delle Guardie di Città nel Regno d'Italia.. Fu attivo dal 2 ottobre 1919 al 31 dicembre 1922 quando fu sciolto dal governo Mussolini che lo sostituì con la Milizia volontaria per la sicurezza nazionale e con l'Arma dei Carabinieri Reali

avatar
Mattio Mazio

La regia guardia per la pubblica sicurezza fu il corpo di pubblica sicurezza, dipendente dal ministero dell'Interno, che abolì e sostituì il Corpo delle Guardie di Città nel Regno d'Italia.. Fu attivo dal 2 ottobre 1919 al 31 dicembre 1922 quando fu sciolto dal governo Mussolini che lo sostituì con la Milizia volontaria per la sicurezza nazionale e con l'Arma dei Carabinieri Reali

avatar
Noels Schulzzi

La Guardia Regia. La polizia italiana nell'avvento del fascismo (1919--1922) di Luca Madrignani - Unicopli. € 15.20 € 16.00. Nei tre anni di vita del corpo di polizia (1919-1922) la violenza entra nella vita politica in modo diffuso, ...

avatar
Jason Statham

Era dipendente direttamente dal Ministero dell'Interno, per mezzo delle autorità e dei funzionari di p.s., ma creato con criteri radicalmente diversi.Per la prima volta nella storia della Polizia la Regia guardia, oltre ad essere Forza di polizia, era parte integrante delle Forze Armate del Regno, mentre il precedente Corpo delle Guardie di Città era solo un Corpo armato del Regno, adottando All'inizio della sua scalata al potere, pur affidando alla sola Arma dei Carabinieri il servizio di polizia, sciogliendo la "Guardia Regia" e facendo confluire nell'Arma il Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza e i 12.000 uomini del "Ruolo Specializzato" - regio decreto 31 dicembre 1922 - il fascismo preparò l'attuazione di tale disegno.»

avatar
Jessica Kolhmann

All'inizio della sua scalata al potere, pur affidando alla sola Arma dei Carabinieri il servizio di polizia, sciogliendo la "Guardia Regia" e facendo confluire nell'Arma il Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza e i 12.000 uomini del "Ruolo Specializzato" - regio decreto 31 dicembre 1922 - il fascismo preparò l'attuazione di tale disegno.» 23 Com’è giudicata in America la situazione italiana dal punto di vista massonico, in salvatorelli 2008.indd 320 23/04/13 18.36 massoneria, politica e questione cattolica 321 Proprio la questione religiosa determinò invece la netta avversione del Grande Oriente per la Democrazia cristiana, la cui ideologia veniva ritenuta difficilmente