Verità e prospettiva in Nietzsche.pdf

Verità e prospettiva in Nietzsche

Richiesta inoltrata al Negozio

Se ci si volesse tirare fuori dal mondo delle prospettive, si perirebbe. Anche una neutralizzazione delle grandi illusioni già incorporate distrugge lumanità. Bisogna approvare e accettare molte cose false e cattive (1884). Così dicendo, Nietzsche decreta la morte della verità oppure la ripropone in forme sconosciute alla tradizione? In altri termini: lincessante divenire delle prospettive distrugge oppure rafforza lessere della verità? E soprattutto: dopo Nietzsche, hanno senso parole di verità? Intorno a queste domande, nellattenzione critica alle interpretazioni testuali e nel confronto serrato con la lettura delleterno ritorno dellidentico offerta da Emanuele Severino, ruotano gli autorevoli contenuti nel volume.

Nietzsche è uno dei più importanti filosofi del XIX secolo, insieme ad altre figure di spicco come Sigmund Freud e Karl Marx. Questi pensatori sono stati definiti “filosofi del sospetto” per il loro desiderio di smascherare la menzogna nascosta sotto i valori illuminati della razionalità e della verità.

8.98 MB Dimensione del file
9788843040513 ISBN
Gratis PREZZO
Verità e prospettiva in Nietzsche.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.tcambrosiano.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Friedrich Nietzsche frasi sulla verit · Esplorare le virgolette interessanti su verità · Friedrich Wilhelm Nietzsche IPA: [ˈfʁiːdʁɪç ˈvɪlhɛlm ˈniːtʃə] è stato un filo… Su verità e menzogna in senso extramorale « ... (Friedrich Nietzsche). Traduzione di Giorgio Colli. Biblioteca minima, 66. 2015, pp. 57, isbn: 9788845930324 ...

avatar
Mattio Mazio

< < Biografia di N. - e altro. NIETZSCHE - Al di là del Bene e del Male (opera integrale - nella sua prima stesura in italiano) Nietzsche sulla composizione di questa sua opera, in un abbozzo (poi abbandonato) di prefazione così scrive: "Questo libro è composto di annotazioni da me fatte durante la nascita di "Così parlò Zarathustra", o - più esattamente - durante gli intermezzi di Nietzsche, invece, il mondo non ha senso è l’uomo che deve creare un senso, e la verità, il caos, non è conoscibile se non da una posizione parziale, attraverso la prospettiva, nel mantenimento del sogno. Inoltre fondamentale per Nietzsche è l’abbandono del progetto metafisico platonico che vede una distinzione tra il mondo sensibile ed il mondo

avatar
Noels Schulzzi

Su verità e menzogna in senso extramorale « ... (Friedrich Nietzsche). Traduzione di Giorgio Colli. Biblioteca minima, 66. 2015, pp. 57, isbn: 9788845930324 ...

avatar
Jason Statham

Fermo restando che anche la posizione cui Nietzsche realizza di essere pervenuto nel 1887, e della quale restano tracce evidenti nei suoi frammenti, ossia l'essere stato il più radicale affermatore del nichilismo, si pone a sua volta come una forma di verità; il confronto col suo pensiero si pone come una tappa obbligata per qualsiasi pensatore successivo. Nel porci questa domanda abbiamo parafrasato una parte dell'ottimo saggio di Benedetta Zavatta, che completa un testo assolutamente adatto all'incertezza del momento, incerto particolarmente, sembrerebbe, su quello che dovrebbe essere la verità: ci stiamo riferendo al saggio breve di Friedrich Nietzsche, edito da Adelphi, intitolato Su verità e menzogna in senso extramorale.

avatar
Jessica Kolhmann

Quando infatti parliamo di Dio in Nietzsche, non dobbiamo intenderlo solo come appunto Dio, ma più in generale come quell’ente che non è nient’altro che ogni prospettiva oltremondana, metafisica, una personificazione delle certezze dell’umanità (certezze che ovviamente sono precostruite dall’uomo stesso, e che il filosofo si propone di liberare gli uomini da quest’ultime). «che la verità resti ancora verità, quando le si tolgono di dosso i veli; abbiamo vissuto abbastanza per credere in questo» [Nietzsche contra Wagner]. dotti, sacerdoti, re La verità, sorta d’errore che ha il vantaggio di non poter essere confutato, probabilmente perché la lunga cottura della storia l’ha resa inalterabile [ La gaia scienza , 265, 110].